I consigli di Verdemarrò: come curare un bonsai Ficus

Si, capita sempre così. Sei in giro per i centri commerciali e non hai resistito: hai acquistato un bonsai. Che sia ficus ginseng, serissa, carmona, macrophylla, zelkova… niente paura, qualche consiglio e anche tu riuscirai a tenere in vita questa pianta.

Innanzitutto, identifichiamo il tipo di pianta. Di solito nei centri commerciali, il 99% dei bonsai è:
– Ficus
– Zelkova (Olmo cinese)
– Serissa
– Carmona

Radice di Ginseng
Radice di Ginseng

Iniziamo quindi dai Ficus. Nella stragrande maggioranza delle volte, trovi la dicitura “Ficus Ginseng”. Devi sapere che il Ficus Ginseng in realtà non esiste: viene venduto con questo nome solo per la caratteristica somiglianza con la radice del Ginseng (del genere Panax, nella tassonomia botanica). Sono piante ottenute con particolari tecniche di coltivazione, poi capitozzate e innestate con nuova vegetazione. In genere, queste piante sono della specie Ficus Retusa.

Bene, come già scritto nel precedente articolo, d’estate posiziona il tuo bonsai all’esterno, in posizione luminosa, ma non al sole diretto specie nei periodi più caldi. Il Ficus, avendo una foglia con cuticola più spessa, può sopportare meglio il sole diretto, ma attenzione alle giornate più calde. Esposizione sud – sud-est.

Il rinvaso è da effettuare in primavera: eliminare tutto il vecchio terriccio (quindi a radice nuda) e rinvasare con un terriccio drenante e sciolto. Combinare, per esempio, 50% di pomice e 50% di terriccio universale di buona qualità, variando le percentuali a seconda del posizionamento della pianta. Evitare l’argilla espansa!

Con questo tipo di terriccio, innaffiare almeno una volta al giorno e nelle giornate più calde anche due o tre. Nel caso, invece, non fosse possibile innaffiare così spesso la pianta, prevedere una quantità maggiore di terriccio rispetto alla pomice, anche 80% terriccio universale e 20% pomice.

La potatura è effettuabile durante tutto l’anno lasciando i getti più vigorosi e con più gemme, per costruire la ramificazione in maniera proporzionale alla pianta e contenere la vegetazione.

Per una pianta in buona salute, la concimazione va effettuata da primavera fino alla fine di luglio (tenere comunque conto dell’intensità del caldo) con concimi con titolo maggiore di azoto o, poco prima dell’autunno, con concimi con più potassio. Se la pianta non è in buona salute evitare i concimi, soprattutto quelli a base chimica, e prediligere un buon fitostimolante.

In inverno, puoi tranquillamente goderti il Ficus dentro casa, avendo l’accortezza di:

1. Usare un sottovaso con all’interno dell’argilla espansa o della pomice perché queste, trattenendo l’acqua, la fanno evaporare pian piano creando il microclima umido ideale per il Ficus (ricordiamoci che è pur sempre un albero tropicale, quindi abituato ai climi caldo-umidi); l’acqua con cui innaffierai il bonsai uscirà dai fori di drenaggio del vaso e verrà assorbita dalla pomice o argilla espansa che sia.
2. Non posizionare la pianta sopra o nei pressi di un calorifero, l’aria circostante sarebbe troppo secca e farebbe asciugare in modo anomalo il terriccio
3. Posizionare il Ficus vicino ad una finestra, ma non troppo. Fai in modo che riceva più luce possibile, ma tieni a mente che, se messo troppo vicino al vetro, potrebbe crearsi un effetto lente.

Per assurdo, ma non tanto, se hai un bagno ben soleggiato, puoi posizionarlo lì! Esperimento già effettuato da una mia amica con ottimi risultati: clima umido, luce giusta e reazione del bonsai con un bellissimo verde brillante!!!

La pianta di un mio amico risistemata con potatura e filatura
La pianta di un mio amico risistemata con potatura e filatura

Ultima nota, non ti spaventare se portando il tuo bonsai all’interno potrebbe perdere le foglie. E’ una reazione fisiologica della pianta ad un cambio repentino di ambiente. Infatti, se vedi delle gemmine verdi alla base delle foglie cadute, significa che la pianta è pronta a ripartire: in questa fase limita le innaffiature e non somministrare concimi vari, al massimo qualche fitostimolante blando.

Spero di essere stato esauriente, ma per qualsiasi dubbio tu abbia non esitare a contattarmi. Sarò felice di consigliarti al meglio!

Puoi contattarmi attraverso
Facebook alla pagina https://www.facebook.com/verdemarrobonsai
su Twitter @verdemarro
o via mail verdemarrobonsai@gmail.com

Se vuoi contribuire alla realizzazione del mio sogno, effettua una donazione sulla piattaforma di Finanziami il tuo futuro cercando tra i progetti Verdemarrò Bonsai Nursery. In cambio ci sono delle ricompense e, soprattutto, te ne sarò grato!!!

Alla prossima
Paolo

Come curare un bonsai? Ecco alcuni semplici consigli.

Mi capita spesso di ricevere richieste di informazioni da amici, conoscenti, amici di amici, su come “tenere” il proprio bonsai. Navigando fra la miriade di informazioni presenti su Internet, non è raro imbattersi in threads sull’argomento, dove vengono dispensati i consigli più disparati, spesso anche contrastanti (ma questa pare una regola fissa per ogni singolo argomento, a noi popolo del web piace molto contrastare l’altrui opinione no?! Eheheh…).

Bene! Posso affermare con certezza che per “tenere” o “mantenere” un bonsai correttamente, l’unica regola è… CHE NON CI SONO REGOLE FISSE! Questa affermazione potrà sembrare troppo azzardata, ma di sicuro è confermata dalla mia esperienza sul campo.

Considerate che per le mani avete un albero, e come tale deve essere trattato. Dove trovate gli alberi? Fuori casa. Quindi, tutto l’anno fuori! Il vostro bonsai per vivere in salute deve stare sempre fuori! Le uniche piante che fanno eccezione sono quelle tropicali: infatti, essendo originarie di un ambiente caldo-umido, nei mesi invernali al di sotto dei 18°C, sarebbe opportuno portarle all’interno, cercando di ricreare un ambiente adatto alla vita di queste piante.

Capisco che un bonsai all’interno della nostra casa può creare quel giusto mix italo-zen, ma per far crescere rigogliosa la nostra piantuzza sarebbe il caso farla star bene dove “lei vuol stare”. All’interno, la pianta può solo cercare di sopravvivere!

Volete contribuire alla realizzazione del mio sogno? Potete farlo qui: Verdemarrò Bonsai Nursery